Le Medichesse di Clo

domenica 26 marzo 2017


Alcune strategie nel caso di pelle secca:

Occlusione: impiego di sostanze filmogene in grado di formare sulla pelle una pellicola che riduce l'evaporazione dell'acqua e automaticamente aumenta l'idratazione cutanea superficiale
Idrocoordinazione: si basa principalmente sull'uso di ingredienti idrofili (umettanti) in gradi di legare le molecole di acqua dall'ambiente esterno o nelle emulsioni e trattenerle nell'epidermide
Ripristino della funzione barriera: si basa su sostanze emollienti dermocompatibili che sia in grado di reintegrare la frazione lipofila del film idrolipidico
Stimolazione dell'idratazione profonda: si ricorre all'utilizzo della nutricosmetici, cioè integratori alimentari in grado di aumentare l'idratazione degli strati profondi cella pelle

SOSTANZE OCCLUDENTI
sostanze oleose di scarsa dermocompatibilità come vaselina e oli minerali
SOSTANZE UMETTANTI E GELIFICANTI
sostanze di elevata igroscopicità agendo con equilibri di gelificazione e formano film idratanti apportando acqua alla cute
  • Polioli: molecole ad alta affinità con l'acqua e dalle proprietà umettanti, come glicerolo,sorbitolo, maltitolo legando l'acqua nell'ambiente dove si trovano ela trattengono nell'epidermide
  • Alfa-idrossiacidi: sono acidi organici, molecole abbontanti in natura (abbondanti nelle mele – acido malico), negli agrumi (acido citrico), nel latte (acido lattico),nell'uva (acido tartarico), nella cnna da zucchero (acido glicolico).
    Gli Alfa idrossiacidi a basse concentrazioni hanno proprietà idratanti, ad alte concentrazioni hanno effetto cheratolitico per il trattamento degli esfolianti
  • Trealosio: è una forma di zucchero presente in natura, è diffuso nei lieviti, nei funghi e negli insetti, se è concentrato nei tessuti gli consente di sopravvivere anche in condizioni di estrema disidratazione e ad alte temperature, protegge le macromolecole dallo stress ambientale
  • Trimetilglicina (betaina anidra): ricavata dalla barbabietola da zucchero agisce come agente protettivo eni sistemi biologici, a livello cellulare non interferisce con altre funzioni ma favorisce l'idratazione .
  • Collagene: è una proteina fibrosa presente in molti mammiferi con ottime proprietà idratanti a livello della superficie cutanea, le fibre del collagene assorbono acqua formando un gel umettante che si dispone sullo strato corneo e protegge dalla disidratrazione
  • Acido ialuronico: appartiene alla famiglia dei glicosaminoglicani. A livello fisiologico in virtù della strttura gelatinosa, lubrifica le parti del corpo sottoposte a movimento come i legamenti e i tendini. In dermocosmesi è utilizzato come idratante di tipo filmogeno superficiale
  • Chitosani: biopolimeri di glucosammina presente nei crostacei, a livello cutaneo legano abbontanti quantità di acqua che vengono trattenute dallo strato corneo
  • Proteine della seta (sericina): la seta è costituita da due proteine fibroina (77% circa) e sericina (23% circa). La sericina è una guaina protettiva che riveste il filo di seta e lo lubrifica, è una proteina formata da diversi aminoacidi e permette di interagire con la cheratina dei capelli che protegge e idrata rendendoli più morbidi e pettinabili.
  • Mucillagini e pectine: eteropolisaccaridi, forma di zuccheri, di discrete dimensioni che assorbono una notevole quantità di acqua formando gli idrocolloidi, a livello dell'epidermide creano un velo elastico sottile e trasparente, non trattengono acqua per igroscopicità ma per un equilibrio di gelificazione quindi in condizioni climatiche molto secche il film che si forma tende a seccarsi formando una barriera protettiva che continua ad idratare la cute. L'idratazione è accompagnata da effetti decongestionanti adatti per la pelle secca spesso fragile e sensibile. Sono molte le piante ricche di questi costituenti e dalle proprietà attive come per es, malva, tiglio, aloe, carrubo,; ma anche rosa e fiordaliso.
  • Sostanze emollienti: ingredienti che aiutano a ripristinare la frazione lipofila, compatibili con i grassi naturali e con il sebo (prodotto dalle ghiandole sebacee) presenti sulla superficie cutanea, questi lipidi derivano dal metabolismo dei cheratinocidi (cellule abbondanti nell'epidermide) dove viene prodotto il “cemento” che crea una barriera plastica, questo cemento è formato da ceramidi, colesterolo, acidi grassi liberi, e l'idratazione dipende dall'efficacia di questa funzione barriera e qualsiasi squilibrio dei lipidi può dare luogo a fenomi di irritazione e disidratazione.
  • Ceramidi: Il cemento di cui parlo sopra si riflette rapidamente sull'aspetto e sulla consistenza della pelle che appare più morbida, liscia e vellutata grazie alle proprietà nutrienti, idratanti,ed elasticizzanti di queste molecole. Oltre a fonti animali esistono ceramidi di estrazione vegetale o biotecnologica.
  • Squalene o squalano: idrocarburi presenti in natura, si trova nel sebo ed è presente nella biosintesi del colesterolo, dalle proprietà emollienti e idratanti, interagiscono con i lipidi dell'epidermide aumentando gli spazi di “cementificazione” e quindi migliorando la funzione barriera
  • Liposomi (vedi articolo)
  • Acidi grassi polinsaturi: sono lipidi che regolano il metabolismo cellulare , nella cute si trovano i fosfolipidi queste molecole regolano la temperatura corporea e limitano l'evaporazione dell'acqua. Gli acidi grassi più importanti sono omega-6 che troviamo specialmente in alcuni oli vegetali come girasole, mais, germe di grano; gli omega-3 contenuti nel pesce.
    Gli acidi grassi essenziali sono efficaci nel trattamento della pelle secca tendente alla desquamazione.
  • Oli e burri vegetali: ingredienti di natura lipidica costituiti particolarmente da trigliceridi, esteri, alcol e acidi grassi, una frazione insaponificabile dalle proprietà eudermiche li rende ricchi di sostanze funzionali, dalle proprietà emollienti e idratanti
  • Olio di avocado: la polpa essiccata di questo frutto contiene un'elevata quantità di olio grasso formato da acido oleico, linoleico, palmitico e frazione insaponificabile costituita da fitosteroli, alcoli terpenici, e vitamine liposolubili, questi costituenti conferiscono a quest'olio ottime proprietà nutrienti, restitutive ed eudermiche adatto per pelli ruvide e devitalizzate, inoltre aggiunge tonicità ed elasticità alla cute.
  • Olio di borragine: dai suoi semi si estrae l'olio con elevato contenuto di acidi grassi essenziali della serie omega-6, particolarmente indicato nelle irritazioni croniche cutanee, dermatiti di varia natura, psoriasi. Dall'attività idratante, antiage.
  • Olio di canapa (leggi articolo)
  • Olio di cartamo: Contiene un'elevata concentrazione di acido linoleico, ha un tocco asciutto eproprietà idratanti.
  • Olio germe di grano: estratto da germe di frumento, contiene acido linoleico, oleico,palmitico stearico ecc) la frazione insaponificabile è ricca di fitosteroli e tocoferoli con una buona percentuale di antiossidanti, nutriente, protettivo, lenitivo; adatto per pelli mature e pruriginose.
  • Olio di jojoba: fontamentalmente è una cera liquida, un composto molto stabile e le sue caratteristiche fisico-chimiche lo rendono affine al nostro sebo con una elevata capacità di penetrazione attraverso lo strato corneo, fondamentale per ripristinare la barriera cutanea
  • Olio di Macadamia: ha un tocco molto leggero grazie al contenuto dell'acido palmitoleico, dall'attività nutriente e seborestitutiva
  • Olio di mandorle dolci: si ottiene a pressione a freddo delle mandorle dolci, contiene acidi grassi polinsaturi; a livello cutaneo è ben tollerato dalle pelli delicate e sensibili, è considerato un olio dermoaffine indicato per pelli infantili e facili agli arrossamenti, ha proprietà emollienti ed elasticizzanti.
  • Olio di Oliva: ricco di acidi polinsaturi, la frazione insaponificabile è costituita da squalene, idrocarburi, steroli, tocoferoli, carotenoidi ecc. é dotato di proprietà emollienti, seborestitutive, adatto per pelli secche e disidratate, ha una certa capacità ha filtrare i raggi per questo adatto nella preparazione dei solari coadiuvante dei filtri
  • Olio di rosa mosqueta: contiene in particolare acidi grassi essenziali con proprietà rigeneranti, contiene una buona quantità di vitamine che lo rendono adatto come antiage.
  • Olio di sesamo: con una buona percentuale di antiossidanti, presenta un buon equilibrio tra acidi grassi saturi e insaturi, dotato di potere filtrante UV in associazione con altri filtri solari
  • Burro di karitè: si ottiene con pressatura del seme, ha un'elevata frazione insaponificabile; presenta ottime proprietà emollienti e restitutive, antitughe; adatto nei prodotti solari e doposole
  • Burro di cacao: ottenuto per spremitura dei semi di cacao, continiene acido palmitico, acido stearico, acido oleico e linoleico, le sue caratteristiche sono adatte per anche per l'impiego farmaceutico date le sue proprietà protettive, lubrificanti, sgrassanti e veicolanti, usato nei prodotti solari e doposole.
Altri ingredienti:
Vitamine: oltre alle proprietà biologiche manifestano un'azione idratante a livello della cute, il TOCOFEROLO (Viut.E) è presente nella frazione insaponificabiledi molti oli vegetali, proprietà antiossidanti, riduce il perspiratio insensibilis (è un processo fisiologico che consiste nella perdita continua ed impercettibile di piccole quote d'acqua dalla pelle, dalle mucose e dalle vie respiratorie) quindi ha ancheuna leggera attività idratante. Il PANTENOLO (pro VIT.b5), destinato nella cura dei capelli, della cute,dalle ottime proprietà idratanti, fsvotisce il rinnovamento cellulare e i processi di cicatrizzazione, calma le irritazioni stimola la crescita delle unghie e ne previene la fragilità.
Cera d'api: prodotta dalle api, dal punto di vista chimico è una sostanza lipidica costituita da acidi grassi, presenta ottime qualità emollienti e proprietà filmogene, adatta per pelli secche e irritate; collabora nella ricostruzione dei lipidi presenti nello strato corneo ripristinando la funzione barriera della pelle.

Miele: fluido viscoso composto principalmente da monosaccaridi, disaccairdi e zuccheri superiori, acqua, acidi organici, aminoacidi, Vitamine (VIT.C,B5,B1,B2,B6) e oligoelementi. Il miele è noto per le sue proprietà energizzanti, toniche, emollienti e attività idratanti. Ha funzioni lenitive indicato per pelli screpolate, piaghe e scottature

STRUTTURA DELLA PELLE - 2


Check Up Cutaneo (dermocosmetologia)

Il check up cutaneo è uno strumento di ascolto e di informazione che attraverso l'analisi della pelle ne individua la tipicità e le esigenze secondo il tipo di pelle, consente i trattamenti più indicati, considerando che la cute varia notevolmente nel corso dell'esistenza, secondo l'età, le abitudini e problematiche fisiologiche-patologiche.


STRUTTURA DELLA PELLE - 2
La pelle presenta delle caratteristiche in base a vari fattori che possono essere di origine ormonale, ambientale o psicologico, ma da sempre il nostro interesse è rivolto a mantenere e migliorare la nostra pelle con l’avanzare dell’età, ed è proprio questo il compito della cosmesi. La struttura della cute varia secondo l’età e il sesso; la pelle degli adulti è diversa da quella dei bambini, in quanto il sebo si produce solo dopo la pubertà ed è costituita solo da lipidi epidermici. In alcune zone del nostro corpo la pelle è più delicata e sottile di altre e la sua funzione è quella di proteggere gli organi interni.

E’ costituita da 3 tessuti

L’EPIDERMIDE funge da barriera impedendo la penetrazione di microrganismi, la perdita di acqua e di elettroliti. Il suo componente principale è la cheratina, la sua parte esterna è lo strato corneo formato da cellule morte che si rinnovano circa ogni 30 giorni
Il DERMA è situato sotto l’epidermide ed è caratterizzato dall’elastina che rende appunto, più elastica la cute, da fibre del collagene che danno sostegno e resistenza. Il derma è ricco di vasi sanguigni e linfatici ed ha la funzione di nutrizione. Qui passano tutte le ghiandole e i diversi annessi cutanei
L’ IPODERMA questo è lo strato più profondo, per la sua tipologia cellulare funge da cuscinetto, da riserva energetica e da isolante termico

Sentiamo spesso parlare di “idratazione” perchè una cute disidratata perde elasticità ed è soggetta a processi infiammatori in quanto favorisce la penetrazione di sostanze estranee, si possono manifestare rossore, prurito, secchezza, couperose. Un prodotto cosmetico può aiutare per ristabilire la giusta quantità di acqua, l’idratazione naturale della pelle è il risultato di diversi meccanismi biologici con funzioni specifiche, che hanno luogo a livello di derma, epidermide e strato corneo.Il film idrolipidico è costituito da un fattore di idratazione naturale che oltre alla componente idrofila è sopratutto formata da sebo e lipidi epidermici che sono componenti dell’epidermide e svolgono una funzione protettiva. Questo film mantiene idratato lo strato corneo e regola l’evaporazione dell’acqua dalla cute.

Un cosmetico è tutto quello che usiamo per il benessere del nostro corpo, dal dentifricio alla saponetta, dalla crema al dopobarba, dallo shampoo al bagno schiuma, dal makeup ai detergenti ecc ecc lo scopo è quello di migliorare il nostro aspetto, pulire, correggere, profumare e non può essere confuso come un trattamento per curare malattie


La pelle non è sempre solo mista, o grassa o secca ma può avere problematiche di vario genere, in questa spiegazione mi limiterò ad esporre l’aspetto generico


Pelle grassa
E’ un inestetismo generalmente adolescenziale dove la pelle ha un’esagerata produzione di sebo e il film idrolipidico è più ceroso ed ostacola la traspirazione favorendo processi infiammatori: acne, arrossamenti, dermati; quando il follicolo si ostruisce di sebo e di batteri si crea il famoso comedone che è costituito dal punto nero se aperto o bianco se chiuso, la pelle si presenta così detta “asfittica”. Lesioni più gravi possono crearsi se degenera la reazione infiammatoria formando papule causate dai batteri in questo caso si distingue la pelle “acneica” o “impura”

Pelle secca
La pelle secca è spesso carente di lipidi, è più sottile e fragile, spesso è sensibile e si osservano molte più rughe rispetto ad una pelle grassa ma può anche essere disidratata quindi carente di acqua e può presentare punti neri. E’ molto importante la protezione ai raggi solari ed ai fattori atmosferici (vento, freddo, troppo caldo), è importante una dieta con elevato apporto di vitamina A, applicazione di prodotti emollienti e idratanti.

Pelle sensibile
Un aspetto della pelle sensibile è costituito dalla comparsa di couperose. Le couperose sono spesso legate a predisposizioni verso una debolezza delle pareti vasali che provocano una condizione iper-reattiva, la pelle si presenta rosata; il trattamento cosmetico punta su formulazioni per pelli secche con ingredienti attivi che riducono le manifestazioni di rossore e pruriti . E’ importante intervenire in particolare sul rafforzamento delle pareti vasali quindi si può ricorrere a vasoprotettori

Pelle mista
Coesistono zone caratterizzate da pelle grassa e acneica ed altre zone più aride e secche, non essendo omogenea è facile trovare le zone naso, fronte e mento più lucide con punti neri e pori dilatati, mentre il contorno occhi e labbra si presenta più arido e fragile. La scelta del cosmetico si dirige essenzialmente sul trattamento di cui la pelle ha più carenza, generalmente su prodotti sebo normalizzanti.


PELLE MASCHILE
Si differenzia da quella femminile per maggior spessore e per abbondanza di fibre collagene ed elastiche; è più sviluppato il sistema pilifero e una produzione maggiore di sebo, i follicoli sono più dilatati e quindi più predisposti all'acne. La pelle maschile dal punto di vista fisiologico risulta più lubrificata e invecchia meno, anche se la pratica come la rasatura quotidiana e la riluttanza all'uso di prodotti cosmetici solari protettivi e idratanti con il tempo la danneggiano. Dal punto di vista dermocosmetico i prodotti contengono ingredienti come quelli tradizionali con un certo riguardo al tipo di pelle maschile, inoltre cambiano le proprietà sensoriali, le texture tendono ad essere più leggere e meno grasse.

PELLE INFANTILE
La pelle infantile differenzia da quella degli adulti in particolare per una questione morfofunzionale, l'epidermide e derma sono più sottili, il pH leggermente più alto (tra 6 e 7), minor contenuto di melanina, meno difese contro funghi e batteri, il film idrolipidico è poco sviluppato. In particolare va tenuto conto di alcune aree e zone come quella genitale più soggetta ad arrossamenti e dermatiti da pannolino. I prodotti a cui si rivolge la "paidocosmesi" è generalmente destinata a cosmetici per bagnetto, agli idratanti, alla protezione solare.




SEMPLICE TEST



Un test semplice per scoprire che tipo di pelle hai, ma prima di tutto seguire queste indicazioni:

-pulizia profonda della pelle con detergente e risciacquo, aspettare qualche minuto prima di intervenire con altri cosmetici
-cercare di evitare almeno in questo frattempo, fumo, alcol, caffe.


Passati minimo 15 minuti controllare ad uno specchio ben illuminato, tutte le zone del viso con molta attenzione…delicatamente toccatelo e massaggiatelo mentre osservate se e dove sono eventuali brufoli o zone lucide, poi muovete con dei versacci guance e fronte, provate a sentire la sensazione che percepite.

La pelle risulta normale se:
è liscia e levigata resta morbida dopo il lavaggio;
non notate zone lucide;
i pori sono normali e vedete pochi punti neri;
la pelle non “tira” quando fate i versacci.

Nonostante la cute non presenti problemi particolari, cercate di usare prodotti delicati e creme viso leggere per non stravolgere il film idrolipidico naturale, usare uno scrub leggero ogni 10 giorni.

La pelle risulta grassa se:
al tatto sentite la pelle leggermente unta ;
ha un aspetto lucido;
i pori sono dilatati e avete notato molti punti neri e foruncoli.

Trattare nel modo corretto la pelle grassa non significa seccarla, non bisogna esagerare con lavaggi aggressivi e saponi poco indicati che esportano anche i lipidi naturali creando effetti disastrosi al sebo cutaneo, bisogna orientarsi verso prodotti specifici e più naturali possibili per non alterare il pH della cute. Una volta a settimana si può sfruttare l’azione del vapore con oli essenziali disinfettanti come: Salvia, Tea Tree e Menta (purchè siano puri e biologici), la crema giorno meglio se leggera e delicata. Un nemico della pelle grassa (e non solo) è il fumo, sia attivo che passivo, perché aderendo agli strati epidermici superficiali la rende più unta ed oleosa.

La pelle risulta secca se:
ha un aspetto opaco e spento;
dopo la detersione la si sente “tirare”, prude leggermente e si squama facilmente;
ci sono pochi punti neri;
si vedono rughe sottili specialmente nel contorno occhi e intorno alla bocca;
si formano chiazze rosse in reazione al freddo, al caldo, allo stress o alcuni alimenti.

E’ una pelle che tende più facilmente a formare le rughe dovute ad una forma di disidratazione; è importante utilizzare mattino e sera un latte detergente delicato e il tonico, per liberare i pori e purificare la cute.
Successivamente una crema idratante, nutriente e rigenerante. Ogni 15 giorni sarebbe buona abitudine usare una maschera nutriente anche a base di oli adatti e argille

La pelle risulta mista se:
notate punti neri nella zona a T (mento, naso, fronte);
sulle guance la pelle “tira”;
spesso presenta couperose.

I trattamenti sono sebo-riequilibranti. La pelle non deve essere trattata con cosmetici troppo nutrienti o lavaggi troppo frequenti, è una pelle più suscettibile agli agenti atmosferici e cambi di stagione, questo comporta cambiamenti nell’uso dei prodotti secondo i periodo e le esigenze durante l’anno. Cercare prodotti sebo-normalizzanti ed idratanti evitando ingredienti che favoriscono l’insorgere di punti neri e comedoni.

La pelle risulta sensibile se:
percepite una pelle “tesa”;
il viso presenta macchie rosse, soprattutto nelle zone guance e zone più secche, al tatto la pelle risulta ruvida.

E’ una pelle che necessita di particolare attenzione, con prodotti specifici e studiati ad hoc con ingredienti lenitivi, emollienti, antisettici e rigeneranti (es: aloe, germe di grano, Vit.C ed E) e applicare generosamente creme viso idratanti.
Detergere con prodotti delicati e da risciacquo per evitare che restino a lungo sulla pelle ingredienti potenzialmente irritanti; controllare che non siano presenti profumazioni sintetiche e metalli allergizzanti.


venerdì 24 febbraio 2017

RIEPILOGO TEORIA

RIEPILOGO DI TEORIA DAL BLOG

http://lemedichessediclo.blogspot.it/2012/12/spignattare-una-crema-cosmetica-fatta.html

http://lemedichessediclo.blogspot.it/search/label/PH

http://lemedichessediclo.blogspot.it/2013/01/emulsionanti.html

martedì 8 novembre 2016

Ricompattante alle ceramidi per pelli stressate

Ricompattante alle ceramidi
A
acqua a 100
glicerina 5
xantana 0,2
carbomer 0,4
LAG 3

Contorno occhi elasticizzante

 pelli secche e mature.

aqua, Snail secretion filtrate, Polyglyceryl 4-Oleyl Ether Olivate, gliceryn, sorbitol, lecithin, thioctic acid, Sodium Ascorbyl Phosfate, Hyaluronic Acid, caprylic/capric triglyceride, Propylene Glycol, Hydrolyzed RNA, Hydrolyzed DNA ubiquinone, Coffea arabica Seed Extract,argania spinosa oil, Simmondsia Chinensis, carbomer, Chondrus Crispus, xanthangum, Butyrospermum Parkii, Mangifera Indica Seed Butter, Ronaflair LDP white,Dicaprylyl Ether,Palmitoyl Hexapeptde, Phenoxyethanol. parfume



Estratto bava di lumaca, estratto di caffè verde, karitè Nilotica, burro di mango,Ronaflair LDP white, olio di argan,Vit.C,
Alta concentrazione di acidi clorogenici ( antiossidante, anti radicali liberi e di protezione del microcircolo)Peptide ad azione botox like,Liposomi schiarenti, ideali per contrastare la melanogenesi. Vit.C,Coenzima Q10 e Acido lipoico in forma di liposomi,Frazioni idrolizzate di DNA e RNA per migliorare l’idratazione della pelle e dei capelli


Crema in burro nutriente

Crema in burro nutriente
A
acqua a 100
allantoina 0,3
glicerina 6
lecitina 5

Crema corpo mani lenitiva

Crema corpo mani lenitiva

A
acqua di rose a 100
lecitina 5

Lip balm set mix

Set stick lip balm (5g)

Al cocco
cera d'api 2
burro cacao 1,5
olio di cocco 1
cera di soia 0,5
olio di riso 0,3


Alla propoli
A
burro cacao 1,5
cera api 1,3
cera carnauba 0,3
olio ricino 1
olio jojoba 0,3
olio riso 0,4
TM di propoli 0,2
karitè 0,2
tocoferolo 2gcc

Con tuberosa Vegan
burro cacao 1,5
carnauba 0,7
cera di soia 0,6
cera tuberosa 0,4
cera di riso 0,3
olio oliva 0,7
ricino 0,5
burro karitè 0,3
tocoferolo qb

Arnica in crema

Arnica in crema con estratto di alloro
antidilorifica-antinfiammatoria.

Emulsione AO
A
olivem 900 * 7
lanolina 4

venerdì 7 ottobre 2016

Intertrigine

INTERTRIGINE
Affezione cutanea di origine batterica e micotica


mercoledì 5 ottobre 2016

Derma-Cosmesi


Dermatiti? (accenni)

Le dermatiti sono di varie forme; si manifestano con diverse malattie della cute accompagnate da fenomeni infiammatori. Sono spesso patologie cutanee che dovrebbero essere seguite da specialisti del settore!
L' eziogenesi descrive le cause e gli eventi di una patologia. Vediamo quali possono essere le caratteristiche.

OLIO DI CANAPA

Oggi parlo di...

L' Olio di canapa


L'estrazione dalla canapa come pianta proibita era legato ad alcune varietà, ci sono quelle coltivate tradizionalmente in Europa per produrre tessuti (cannabis sativa)a basso contenuto di resina, e quelle originarie dell’Oriente ricche invece della resina contenente i cannabinoidi responsabili dell’effetto psicoattivo (cannabis indica).
La canapa è una pianta necessaria, nel vortice di controversie come pianta “proibita” ricca di composti psicoattivi, torna finalmente utile per l'olio dei suoi semi; un olio pregiato di una elevata fluidità, penetra molto facilmente; in cosmesi si propone come ingrediente indispensabile "anti-aging", nel trattamento di pelli secche e disidratate, è da considerarsi un nuovo e veramente interessante lipide per la cosmetica – oltre che integratore dietetico – in funzione dell'alto contenuto (circa il 75%) in acidi grassi insaturi, e varie vitamine